lunedì 15 settembre 2014

Tutorial per fare le MIE applicazioni.

Eccolo finalmente! Me lo avete chiesto in tante, curiose di sapere come faccio le applicazioni delle mie creazioni. Come nascono i miei cagnolini, leoncini e farfalle? Ecco svelato il mistero. Vi dico subito che questo è il MIO metodo, voglio essere chiara su questo punto. Non ha nulla a che vedere con il quilting ( o forse è il patchwork? Non ci capisco nulla) ma nel corso degli anni ho elaborato questa tecnica che mi piace tanto e quindi, almeno per ora, continuo ad usarla. Mi permette di creare quasi tutti i disegni (dipende molto dalle dimensioni del soggetto) e di rendere unico anche un semplice bavaglino. Ma veniamo a noi, cosa vi serve?


Come prima cosa disegnate il soggetto che volete rappresentare, in questo caso una farfalla e tagliate tutti i singoli pezzi.


Riportate i disegni sulla stoffa, posizionandola dritto contro dritto.


Cucite lungo tutti il disegno e ritagliate la stoffa in eccesso.


Praticate un taglio nella parte che avete disegnato. Questo passaggio è importante, perchè se tagliaste nel lato opposto, una volta rovesciato il lavoro, vi trovereste davanti la sagoma speculare rispetto al disegno originale.


Aiutatevi con un bastoncino non appuntito (il mio è anche personalizzato, come farei senza il mio amore?) e risvoltate i singoli pezzi del disegno.


Cucite i lembi con dei punti senza troppo pretese, servirà solo a non far vedere il segno del taglio. Questo succede con stoffe leggere o molto chiare.


Cominciate a posizionare i vari pezzi del disegno e cuciteli un po' per volta, stando abbastanza vicini al perimetro: prima quelli che saranno sotto e a seguire gli altri.


A me piace spesso lasciare delle parti svolazzanti, generalmente lo faccio per le orecchie e in questo caso per il secondo paio d'ali. In questo caso specifico ho cucito solo nella parte centrale delle ali che andrà poi coperto con il corpo.


Posizionate e cucite anche gli ultimi pezzi, aggiungendo magari qualche decoro a macchina.


Ricamate a mano gli ultimi dettagli come la faccina..


...e perchè no, anche il nome del bimbo per avere un lavoro ancora più personalizzato.


E questo è tutto. Come vedete è molto più facile di quel che sembra. Spero di aver risposto con questo post a tutte le vostre domande ma se qualche passaggio non vi è chiaro scrivetemi pure.
Non vi resta che provare! Buon lavoro,
Sara.

14 commenti:

  1. Saretta adesso che ci hai svelato il tuo trucchetto, non mi resta che provare...sarà davvero così semplice come dici anche per me imbranata? ;) ti farò sapere

    RispondiElimina
  2. Wow davvero meraviglioso e semplice... ma io non ho una buona mano, non ho nemmeno una macchina da cucire, quindi per ora passo :)

    Maira

    RispondiElimina
  3. È proprio il metodo migliore! Sarà lungo ma almeno le applicazioni non si scuciono e durano di più. Come al solito delizioso post amorina!

    RispondiElimina
  4. mi sembra un ottimo modo per realizzare queste meraviglie ! ;)
    bravissima!!!!
    bacione e buona giornata
    Cri

    RispondiElimina
  5. Bel sistema per splendide applicazioni!!!
    Grazie del tutorial!
    Baci

    RispondiElimina
  6. eccomi Sara ê davvero molto chiaro il tuo tutorial complimenti. Credo tu abbia facilitato la vita a molte perché ci sono un paio di errori che le meno esperte farebbero sicuramente, tagliare la stoffa prima di cucire per esempio o, come spesso fare io risvoltare lungo il perimetro e dover quindi avere una buona mano per fare i punti nascosti cosa che qui nemmeno serve. Grazie davvero condivido con piacere :-)

    RispondiElimina
  7. Bravissima! Il tuo tutorial è chiarissimo e mi sarà molto utile.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  8. se posso aggiungo un suggerimento prezioso (perlomeno lo è stato per me!)..quando hai cucito dritto contro dritto, prima di rovesciare il lavoro, meglio sempre fare dei piccoli traglietti ortogonali alla cucitura, badando di non tagliarla (ahimè se no sono danni) in maniera de evitare che le parti curve, rigirate, facciano invece degli spigoli poco belli da vedere!! provare per credere

    RispondiElimina
  9. ah Sara. ovviamente come sempre brava. a fare ed a spiegare!!! baciii

    RispondiElimina
  10. ciao sara, sono davvero felicissima del tutorial che hai messo a disposizione anche per me!.come sempre sei bravissima!!! grazie grazie grazie un abbraccio Lucia

    RispondiElimina
  11. Carinissimo, da copiare. Grazie per la condivisione.

    Loredana

    RispondiElimina
  12. Ma ho capito male o tu non usi la carta termoadesiva? Quale carta usi? Grazie.

    RispondiElimina
  13. Voglio provare anche iooooooooooo!!!!!

    RispondiElimina
  14. Grazie grazie. Credo che in questo modo potrei farcela anche io. Sonia

    RispondiElimina