mercoledì 6 marzo 2013

Estrazione

Sono riuscita a fare l'estrazione, il caso ha voluto che vincesse Carmen.


Il caso ha anche deciso di distruggere la mia vita e quella della mia famiglia... Non so come affrontare la cosa. Da una parte vorrei parlarne con voi dall'altra non mi sembra giusto sbandierare fatti personali. Però voi siete tanto tanto carine, ho letto tutti i vostri numerosi commenti e ne sono commossa. Ma d'altra parte ultimamente le lacrime sono parte di me a ogni ora. Una grave malattia si è abbattuta sulla mia famiglia.. non è giusto! Passo momenti di disperazione totale e altri di rabbia furiosa. Rabbia nel vedere le persone per strada che ridono, rabbia nel vedere anziani che passeggiano sereni, rabbia verso coloro che vogliono darmi consigli, mi dicono di essere forte o mi parlano delle loro esperienze. Scusate ma non me ne frega niente delle vostre esperienze, nessuno può paragonare la propria storia con la nostra tragedia. Come si permettono di dirmi di essere forte, di accettare la cosa o peggio che non sono sola, che non devo fare tutto da sola. Non sanno minimamente cosa vuol dire vedere i propri genitori distrutti, essere forte per loro, sforzandosi di non piangere e di incoraggiarli quando in realtà vorrei solo piangere, piangere, piangere e dare questo fardello ad altri. Fino a dieci giorni fa pensavo a sposarmi, al mio futuro e invece ora è tutto spazzato via. Devo tornare in Sardegna per occuparmi dei miei genitori, allontanarmi dall'uomo della mia vita senza sapere che ne sarà di noi. Allontanarmi da lui che è l'unico che mi dà forza e che con un suo abbraccio mi fa sentire protetta. So che tutti ci vogliono bene, che fanno quel che possono per noi ma in questo momento non riesco ad accettare niente. Vorrei solo che questa maledetta malattia svanisse, vorrei che ci fosse un futuro per tutti noi, vorrei poter tornare serena...


Sara

31 commenti:

  1. Come hai detto tu, ogni parola di conforto sarebbe solo motivo di nervosismo. . .e allora ti dico solo che devi fare ciò che ti senti e che ritieni giusto. . .ascolta la voce del tuo cuore e nessun altro!!!
    Un grandissimo in bocca al lupo!!

    RispondiElimina
  2. Ti conosco da poco ma ti mando un forte abbraccio...

    RispondiElimina
  3. Sara, ora una parola è poca e due sono troppe, per cui ti mando solo questo: <3

    Chiara

    RispondiElimina
  4. CARA SARA,VEDI LE PAROLE A VOLTE SERVONO AD ATTENUARE ED ALTRE AD INASPRIRE LA RABBIA CHE C'E' IN NOI.QUANDO PENSI CHE SIA TUTTO BELLO DEVI PREOCCUPARTI PERCHE' QUALCOSA DI ORRIBILE STA PER SUCCEDERE. 6 MESI FA MIO PAPA' E' ESTRATO IN OSPEDALE PER UNA PLEURE, NON SI PREOCCUPI SIGNORA NIENTE DI CHE IN UN ATTIMO SARA' COME NUOVO!!! E' USCITO CON UN TUMORE AL POMONE CHE NON GLI LASCIERA' VIA DI FUGA....ORA SIAMO QUA NELL'ATTESA...ATTESA!!!CHE PAROLA ORRIBILE SE QUELLO CHE DEVI ATTENDERE E' LA MORTE. NOI TUTTI CERCHIAMO DI STARGLI VICINO DI FARGLI SENTIRE IL NOSTRO CALORE E DI SFRUTTARE AL MASSIMO QUELLO CHE CI RESTA.
    SEI MOLTO GIOVANE E IL TUO AMORE E' LA COSA PIU' BELLA CHE TU GLI POSSA DARE..IL TUO RAGAZZO NON CREDO SIA UNO STUPIDO E VEDRAI CHE TI CONFORTERA' QUANDO NE AVRRAI BISOGNO E CAPIRA' QUANDO TU NON POPERAI ESSERE LI PER LUI...
    LO SO CHE LA RABBIA E' NON TANTA MA TANTISSIMA TU DEVI RIUSCIRE TROVARE LA VIA MIGLIARE PER NON ESPLODERE,NON'E' DETTO CHE PARLANDO CON QUALCUNO IL PROBLEMA SIA RISOLTO MA A VOLTE AIUTA. TI FACCIO I MIEI PIU' SINCERI E DI TUTTO CUORE AUGURI..

    ALE

    RispondiElimina
  5. Vivi la tua rabbia Sara, ma non lasciare che ti divori.

    Sono contenta di avere vinto e ti ringrazio di cuore,però penso che avrai altro a cui pensare in questo momento quindi non preoccuparti di nulla!
    ti abbraccio
    Carmen

    RispondiElimina
  6. Ti auguro che si risolva tutto.. Ogni tanto vorremmo solo svegliarci da un incubo che chiamano vita!!!

    Ti abbraccio
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
  7. Ti abbraccio forte anche se sono consapevole che non ti serve a niente, forse...........
    Ciao Betta

    RispondiElimina
  8. Hai ragione tu le parole non servono, ma non farti sopraffare dalla rabbia ti prego,un abbraccio grandissimo.

    RispondiElimina
  9. Ciao Sara, è vero le parole in momenti come queste non servono a niente. Sono daccordo con Ale, adesso quello che conta è il tuo amore, stagli vicino più che puoi e fagli sentire che ci sei e ci sarai sempre. Quando si sta male non c'è medicina migliore che il calore e l'amore delle persone a te care. Il tuo ragazzo sono sicura che capirà e che saprà starti accanto.
    Un abbraccio grande
    Giusy

    RispondiElimina
  10. Tesoro, sfogati e non pensare di ferire nessuno: il dolore è talmente personale che ognuno di noi lo vive a proprio modo. Non lasciare però che, dopo, questo dolore ti sottragga al mondo e a chi ti vuol bene: rifugiati nel loro amore...
    Un abbraccio
    Maria Grazia

    RispondiElimina
  11. Non esistono parole adatte per il dolore , ogni persona lo vive in modo personale e lo so , lo capisco bene .... la rabbia e' fortissima.
    Ti lascio un abbraccio virtuale

    baci

    RispondiElimina
  12. Per quel che vale, mi spiace moltissimo per il tuo dolore. Spero che, per quanto possibile, la situazione migliori al più presto
    Robin

    RispondiElimina
  13. Non posso fare altro che mandarti un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Ti sono vicina ,anch'io nella mia famiglia ho passato drammi simili e non solo una volta.
    Capisco il tuo dolore e la rabbia che hai dentro ma bisogna lottare e sperare fino alla fine, ce lo impone il nostro istinto di sopravvivenza, ti abbraccio Maira

    RispondiElimina
  15. Come dici anche tu, non ci sono parole che possano consolarti. Ti abbraccio fortissimo.
    Spero di avere da te notizie migliori presto.

    RispondiElimina
  16. Non esistono parole per confortarti, quanto il dolore è cosi grande...ma non smettere mai di lottare.
    Un abbraccio forte!!

    RispondiElimina
  17. la rabbia è normale e ti chiedi tutti i minuti perchè proprio a te, le parole degli altri adesso sono troppe,ma con il tempo capirai quello che ti è stato detto e imparari ad accettare quello che è successo.
    gloria

    RispondiElimina
  18. Purtroppo in ogni famiglia ci sono dei momenti terribili...fai bene a buttar fuori tutta la tua rabbia, ma ricorda che se qualcuno oggi ride magari fino a ieri piangeva...come la maggior parte di noi che ti seguiamo con affetto....un abbraccio e a presto
    Marzia

    RispondiElimina
  19. Cara Sara, che immensa rabbia quando la vita ci colpisce così a tradimento, mandando all'aria tutti i nostri progetti! Come tutte, anch'io ti sono vicina e ti abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  20. Nessuna parola, solo un abbraccio forte forte
    Norma

    RispondiElimina
  21. Sono Camilla. Non ti dirò nulla, non voglio sapere nulla....solo questo, Sara: un abbraccio forte, lungo, in silenzio. Ti siamo vicini. Camilla, Davide & Elisabetta.

    RispondiElimina
  22. mi hai fatto venire un nodo in gola, con le tue parole. non so che dirti. un abbraccio anche da parte mia. marta

    RispondiElimina
  23. in bocca al lupo solo questop posso dirti ti capisco mi sono trovata nella stessa situazione ed è brutto pensare che una cosa del genere possa accadere proprio a te o ad un membro della tua famiglia sembra una cosa surreale finchè l'hai sentito dire da terze persone che è capitato allora ti dispiace ma non pensi mai che potrebbe capitare a te ti dico solo pensa a stare quanto + tempo con loro un abbraccio!!!!!!!

    RispondiElimina
  24. Ciao, ti ho visto su kreattiva
    Così sono venuta a visitare il tuo blog.
    Mi sono appena unita ai tuoi lettori fissi, ti va di ricambiare e seguirmi?
    Ti aspetto qui
    http://elefantest89.blogspot.it/

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. Ps ho notato che siamo concittadine.
    Un abbraccio forte e ti auguro che tutto si risolva.

    RispondiElimina
  27. Cara sarà, condivido ogni singola parola! Ogni mattina mi sveglio e dico: perché a me? Perche da due anni non ho più la mia vita? Perché una malattia che ancora non conosco mi costringe a restare imprigionata in un letto? Perché non posso più stare con mio figlio, col mio compagno! Detestò tutti quelli che mi dicono:" vedrai andrà tutto bene "! Intanto loro passeggiano, festeggiano, vivono! Solo se si vive in prima persona la malattia si può capire! Ciao sara! Amelia

    RispondiElimina
  28. Scusate lo sfogo...forse non avevo il diritto di farlo qui pubblicamente ma volevo far capire a Sara che la capisco e che le sono vicina! Amelia

    RispondiElimina